Come tutto ebbe inizio

Ve l’ho gia’ detto che mi piace Georges Simeon? Il suo stile asciutto, diretto, senza stupidi fronzoli e inutili ridondanze? Per me Maigret e’ stata una piacevole scoperta, specialmente in questo momento, in cui mi sto appassionando molto al giallo (anche in vista di un futuro romanzo del genere 😉 )

Questo romanzo mi e’ capitato sottomano durante una delle mie tante incursioni piratesche presso le librerie di zona, durante i miei ritorni in patria, per obiettivo vacanze. L’ho visto li, con la sua bella copertina gialla, che mi guardava come per dire “lo so che muori dalla voglia di leggerrmi”. Che dovevo fare? Ho ceduto alla “violenza”.

Questo e’ un romanzo che narra la vita di Maigret prima che diventasse il celebre commissario, scritto dopo i famosi romanzi ma orientato alle origini.

la prima indagine di Maigret

Maigret non e’ ancora commissario, ma un giovane segretario del commissario di zona. Relegato a svolgere mansioni secondarie, all’ombra del suo capo, guardato dall’alto verso il basso dagli ispettori del suo distretto e non solo, una notte del 1913 gli capita per le mani il caso che, forse, cambiera’ la sua monotona vita di poliziotto. Un giovane flautista arriva in commissariato denunciando un omicidio. Dice di aver sentito un urlo di donna chiamare aiuto e un colpo di pistola. Solo che quando Maigret si trova di fronte al luogo del “delitto”, il giovane si rende subito conto che le cose non saranno cosi’ semplici. E per due motivi: primo, la famiglia coinvolta e’ una delle piu’ importanti Parigi (nonche’ amici intimi del suo commissario). Secondo, il cadavere non si trova.

La prima indagine di Maigre giovane e’ un crescendo di indizi e insabbiamenti, prove celate e false, ubriacature e botte in testa. Ma soprattutto un indagine che mette in mostra quando il potere del denaro e politico possa influire sulla soluzione di un caso e quanto la polizia sia disposta a chiudere non uno, ma entrambi gli occhi se gli indiziati possiedono molti quattrini.

Vedremo un Maigret umano, fragile, determinato e frustrato di fronte al muro di omerta’ che lo circonda. Disposto a tutto, pur di risolvere il caso. Anche di rischiare la sua stessa vita.

Che dire? Un bellissimo esordio, giovane Maigret!

Ora non mi resta che leggere tutte le decine di romanzi su Maigret. Credo ci mettero’ un po’. Ma non ho fretta, io 🙂

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...